La margherita delle possibilità: un esercizio di self-empowerment

Abbiamo visto come il Self Empowerment sia un concetto importante per la propria crescita personale e professionale in quanto aiuta a focalizzare gli obiettivi, individuare strategie, trasformare i desideri in azioni, superare gli ostacoli.

Il processo di self empowerment si sviluppa secondo una sequenza di fasi che iniziano con la consapevolezza del desiderio e finiscono con il passaggio all’azione, producendo un cambiamento nel modo di pensare, sentire, essere e agire dell’individuo.

Il consulente di self empowerment si pone come facilitatore di tale processo. Lo fa individualmente o in gruppo, grazie all’uso di specifiche tecniche e metodologie in grado di far maturare comportamenti positivi come la capacità di ascolto, l’assertività, la gestione dei conflitti, la capacità di problem solving ecc.; ma soprattutto grazie alla relazione attraverso cui genera consapevolezza, sostiene nella difficoltà e nel mantenere il focus sugli obiettivi, valorizza i progressi, incoraggia, offre un luogo protetto di riflessione ed espressione autentica di sé.

Se appare difficile trasmettere attraverso un testo scritto il valore della relazione, è invece possibile fornire un esempio concreto di “tecnica” di Self-empowerment. Ecco quindi La margherita delle possibilità, un esercizio per il potenziamento della risorsa che sta alla base del processo di self-empowerment: la capacità di desiderare.

Iniziamo….

  • Prendi carta e penna (o matita, o pennarello) e disegna una margherita. Hai presente la margherita che disegnavi da bambino/a? Proprio quella! Con un centro abbastanza grande per poterci scrivere una parola o una breve frase e almeno 5 petali belli ampi (ma puoi aggiungerne quanti ne vuoi!).
  • Nel cerchio al centro inserisci l’area della tua vita su cui vuoi concentrarti, l’ambito in cui desideri che avvenga un cambiamento, dove vuoi apportare un miglioramento. Ad esempio: il lavoro. Puoi anche essere più specifico. Ad esempio: il lavoro nei prossimi 5 anni. Più scenderai nel particolare e più l’esercizio richiederà impegno!
  • Usa i petali per esplorare e annotare le possibilità che sono concretamente realizzabili rispetto all’area su cui stai lavorando. Alcune di queste possibilità saranno già a portata di mano, per altre sarà necessario smuovere maggiori risorse, ma non importa. Ciò che conta è che siano possibilità realizzabili e non palesemente impossibili! Ad esempio: cambiare ruolo, acquisire nuove competenze, fare un’esperienza all’estero, ottenere un trasferimento ecc.
  • Non dimenticare di lasciare un petalo vuoto: sarà il petalo dell’imprevisto, delle possibilità non ancora esplorate, di ciò che succede quando la vita ti sorprende. Servirà a ricordarti che le possibilità sono sempre più di quelle che puoi immaginare…
  • Rileggi ciò che hai scritto. Aggiungi, modifica, togli…quando sentirai che c’è corrispondenza fra l’area che hai scelto e le possibilità che hai individuato potrai passare alla seconda fase dell’esercizio. Are you ready?
  • Scegli un petalo alla volta. Puoi iniziare da quello che contiene la possibilità più immediata e concreta o da quello con maggiore carica attrattiva. Fatto? Ora prova a immaginarti nella circostanza descritta. Sviluppa la storia, narra ciò che succederà, individua i luoghi, i tempi, le persone… Cerca di andare in profondità, nel dettaglio delle scelte che farai, delle azioni che compirai, del significato che assume per te essere in quella situazione, i risultati che otterrai…
  • Ripeti per ogni petalo finché, come nel film Sliding Doors, avrai esplorato tutte le possibilità e “vissuto” almeno un po’ nella tua fantasia ognuna di esse.

Alla fine dell’esercizio saprai se le possibilità che hai individuato ti interessano tutte davvero o se qualcuna avrà perso mordente inoltre avrai più chiaro in mente ciò che realmente ti serve per realizzarle, su quali risorse puoi già contare e come procurarti ciò che invece manca. Avrai imparato a tradurre una vaga fantasia dai contorni sfumati in azioni concrete e obiettivi.

Ma soprattutto avrai imparato che esistono delle possibilità là dove non immaginavi nemmeno di trovarne e a smuovere le tue energie verso un desiderio che può farsi realtà…


Per approfondimenti:

“La formazione generativa. Un nuovo approccio all’apprendimento e al benessere delle persone e delle organizzazioni” – Stefano Gheno2017, Franco Angeli

GD Star Rating
loading...

Dott.ssa Laura Caminiti

HR Consultant, specialista in selezione e formazione delle Risorse Umane Socia fondatrice, amministratrice e responsabile di PsicologiaOK EMAIL: caminiti.laura@gmail.com Sono una persona socievole e dinamica, aperta alle novità e al cambiamento. Da bambina ho sognato di fare il prestigiatore, il meccanico, lo scienziato, l’artista, il veterinario...poi a un certo punto mi sono accorta che mi piaceva osservare le persone. Così ho scelto la Psicologia e, poco più avanti nel percorso, ho conosciuto e mi sono innamorata della Psicologia del Lavoro e di tutto ciò che ruota intorno al settore delle Risorse Umane. Oggi sono una Psicologa del Lavoro e delle Organizzazioni iscritta all'Albo degli Psicologi della Regione Lazio (n° 18846). Specialista in valutazione, selezione e sviluppo delle Risorse Umane. Sono appassionata di nuovi media e coltivo questo interesse attraverso la redazione e diffusione di articoli di psicologia sul web. Sono una persona che ama darsi da fare, appassionata studiosa delle dinamiche umane, che ha fatto della valorizzazione delle Risorse Umane e della diffusione della cultura in ambito HR la sua missione. Ho avuto modo di confrontarmi anche con il mondo della ricerca e dell'elaborazione dei dati collaborando con importanti case editrici per progetti di adattamento e sperimentazione di test per l’assessment psicologico. In passato ho accumulato una buona esperienza nei servizi educativi e di comunità, principalmente rivolti all'infanzia ma anche alle famiglie in situazione di disagio sociale. La mia frase preferita: “Accadono cose che sono come domande. Passa un minuto, oppure anni, e poi la vita risponde” (Alessandro Baricco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *